Carazita Irpinia Campi Taurasini D.o.c.

Denominazione di origine controllata

Carazita is a fine red wine. The wine is named after the place of the same name situated between the towns of Luogosano and Taurasi, where mixed vineyards thatgrow the grapesutilised to produce it are situated. It is the district of Taurasi, and it’s one of the areas that are particularly suitable for growing fine wines.

Carazita is made from a mixture of grapes derived from varieties typically grown in Irpinia and grapes that have found Irpinia to have the ideal climate for bea ring fruit.

The main one is Aglianico, with its grapes making up about 80% of the blend. Bottled after one year of ageing, partly inoakbarrels, partly in stanless Steel tanks, Carazita acquires a ruby red colour with hright reflections, and a round, rich and penetrating taste with a slightly bitterish aftertaste.

With an alcoholic volume of around 13%, it shouldbe drunkat room temperature. Carazita wine goes verywell with roasts, game, noble poultry, and dishes with strong sauces.

Vini d’Italia Gambero Rosso
Edizione 2011
Edizione 2008
Edizione 2007

<p align=”JUSTIFY”>Vini d’Italia L’espresso
Edizione 2011
Edizione 2010</br>
Edizione 2008</p>

Almanacco del BereBene
Gambero Rosso
Edizione 2006

webmastCarazita

Carazita Irpinia Campi Taurasini D.o.c.

Denominazione di origine controllata

Il Carazita è un rosso di pregio, le cui uve derivano dalla località Carazita, situata tra i comuni di Luogosano e Taurasi, nota nel comprensorio del “Taurasi D.o.c.g.” come una delle aree a più spiccata vocazione vitivinicola.

Il principale vitigno è l’Aglianico, presente in una percentuale che si aggira intorno al 80% . Seguono, in percentuale variabile a seconda delle annate, il Merlot e il Piedirosso.

Imbottigliato dopo 18 mesi, di invecchiamento, per una parte in fusti di rovere, il Carazita assume un colore rosso rumino, dai riflessi brillanti, ed un sapore armonico, ricco e penetrante, con retrogusto di leggero amarognolo.

Il volume alcolico si aggira intorno al 13%, bevuto a temperatura ambiente accompagna in modo ottimale arrosti, cacciagione, pollame nobile e piatti dalle salse forti.

 

Vini d’Italia Gambero Rosso
Edizione 2011
Edizione 2008
Edizione 2007

<p align=”JUSTIFY”>Vini d’Italia L’espresso
Edizione 2011
Edizione 2010</br>
Edizione 2008</p>

Almanacco del BereBene
Gambero Rosso
Edizione 2006

webmastCarazita